Tag Archives: teatro dell’argine

“Futuri maestri”: eccezionale progetto del Teatro dell’Argine

futuri maestri

Come può il teatro diventare il luogo dell’incontro, dell’ascolto, della conoscenza reciproca, e non solo tra spettatori e artisti ma più universalmente tra persone, tra membri della stessa comunità?

E’ questa la domanda da cui è nato questo progetto, partito dalle parole amore, guerra, lavoro, crisi, migrazione. La Compagnia Teatro dell’Argine lancia una nuova coraggiosa sfida a sé e al proprio pubblico: individuare, anche attraverso un percorso artistico senza precedenti, che spazia dal teatro alla fotografia, dall’arte figurativa alla didattica, i futuri maestri. Coloro che oggi possono agire e far emergere le proprie idee e che potranno essere fonte di ispirazione per le nuove generazioni, coloro, che attingendo ora dal sapere di altri, sapranno trasmettere, oggi e domani, valori e contenuti “contemporanei” e universali. 5 eventi speciali, 1 mostra, 9 sere di spettacolo, 9 maestri del nostro tempo e 1000 ragazzi coinvolti.

Gli eventi speciali: tra marzo e maggio del 2017 presso il MAMbo Continue reading


All’ITC il 27 gennaio “Tiergartenstrasse 4 – Un giardino per Ofelia”

ofelia

E’ uno degli spettacoli storici del Teatro dell’Argine quello con cui all’ITC Teatro di San Lazzaro si celebra la Giornata della Memoria il 27 gennaio. Nell’ambito della stagione di prosa viene infatti proposto “Tiergartenstrasse 4 – Un giardino per Ofelia”.

La dolcissima e tragica storia, scritta da Pietro Floridia, che ha curato anche la regia dello spettacolo, è ambientata negli anni ‘40 ad Amburgo, e racconta l’incontro di due donne: Ofelia, una giovane disabile mentale che vive coltivando fiori nell’assoluta innocenza di un rapporto di verità col mondo, e Gertrud, l’infermiera nazista mandata a verificare le sue condizioni e che si troverà a doverla difendere dal programma T4, il cosiddetto “Olocausto minore” che prevedeva l’eliminazione dei disabili e che fece centinaia di migliaia di vittime nella Germania nazista. L’incontro si trasforma in un’amicizia profonda e in un legame di cura e di tenerezza che unirà i destini di queste due donne fino alla fine. Continue reading


Si apre la stagione dell’ITC Teatro. “La magnifica illusione”

La magnifica illusione

Venerdì 11 novembre si apre la stagione di prosa dell’ITC Teatro con “La magnifica illusione”, il nuovo spettacolo del Teatro dell’Argine, in scena fino a domenica 27 novembre con repliche pomeridiane e serali.

Lo spettacolo, firmato da Andrea Paolucci (anche regista) e Giovanni Dispenza, è senza parole, rarefatto, poetico, duro, e racconta di complicità e di altruismo, di mistero e di accoglienza, di viaggi in mare e dentro se stessi. Uno spettacolo che tenta la difficile via di parlare tanto a un pubblico adulto quanto a bambine e bambini, tanto a spettatori esperti quanto a chi non è mai entrato a teatro, grazie a un linguaggio che unisce teatro di figura e videomapping, teatro d’attore e di impegno civile.

Il regista Andrea Paolucci dice: “Abbiamo tentato di Continue reading


Nuova stagione ITC. Presentazione-aperitivo il 5 novembre

ITC Teatro

Una presentazione-aperitivo per la nuova stagione dell’ITC Teatro si terrà sabato 5 novembre alle ore 19.00 nella sala di Via Rimembranze, 26.

Il Teatro dell’Argine ha organizzato infatti allo scopo uno speciale aperitivo a buffet gratuito, una serata aperta agli spettatori dell’ITC Teatro, agli allievi dell’ITC Studio e a tutti coloro che vorranno partecipare.

Sarà il momento per raccontare le collaborazioni internazionali e “Futuri Maestri”, il nuovo grande progetto della Compagnia che, da novembre 2016 a giugno 2017, coinvolgerà bambini e ragazzi del territorio tra i 3 e i 18 anni.

In questa occasione saranno presentate anche le nuove tessere “ArgineBox”, pronte per arricchire la speciale “smartbox” targata Teatro dell’Argine personalizzabile con attività, sconti, regali, sorprese e offerte.

La serata potrà essere seguita in diretta dalla pagina Facebook della Compagnia.


“Esodi”. Mostra fotografica sull’immigrazione.

Esodi

E’ ricchissima di contenuti la mostra fotografica che si apre venerdì 28 ottobre alle ore 18,30 in Mediateca. Il titolo è “Esodi – La stessa storia. Le stesse acque. Lo stesso dolore”, e racconta, attraverso immagini e parole, il laboratorio teatrale interculturale che con lo stesso titolo fu condotto nei mesi scorsi dalla Compagnia Teatro dell’Argine, con cinquanta ragazzi provenienti da diciotto paesi diversi, il cui esito finale è stato uno spettacolo con la storia di un Pinocchio moderno, smarrito, tormentato e ricco di speranze, come i migranti dei giorni d’oggi, che attraversano il deserto e poi il mare, per un sogno di speranza e libertà.

La mostra è composta da fotografie di Gabriele Fiolo – artista bolognese conosciuto per i suoi progetti fotografici in Tanzania e per l’importante lavoro sui temi delle disabilità – e da testi di Domenico Quirico, caposervizio esteri e reporter del quotidiano La Stampa, autore di “Esodi, Storia del nuovo Millennio”, dell’editore Neri Pozza.

L’inaugurazione avverrà attraverso una performance dei ragazzi protagonisti del laboratorio e delle foto: un ulteriore momento d’incontro di linguaggi artistici, dialetti, racconti, canti ed esperienze. I pannelli della mostra saranno visitabili in Mediateca fino al 19 novembre, ma un’altra importante e consistente parte della mostra sarà ospitata in vari luoghi della città, negozi e spazi privati.

Il vicesindaco Claudia D’Eramo ha dichiarato fra l’altro: “Il bel lavoro che San Lazzaro sta portando avanti sull’accoglienza è frutto di un territorio che nel suo dna porta le tracce di una terra aperta a prendersi cura di chi soffre”.

La pagina del sito del Comune

Il depliant della mostra (.pdf)

 


ITC Teatro. “Gli equilibristi”, spettacolo sull’adolescenza (15-16 ottobre).

equilibristi

Torna sul palco dell’ITC sabato 15 e domenica 16 ottobre (domenica anche in pomeridiana, alle ore 16,30) uno degli spettacoli del Teatro dell’Argine più amati dagli spettatori di ogni età, “Gli equilibristi”, firmato da Giulia D’Amico, Pietro Floridia, Valentina Kastlunger e Andrea Paolucci, che è anche regista.

Sono gli adolescenti quelli che devono vivere sempre in equilibrio, fra le tensioni e le passioni smisurate tipiche di quell’età.

Lo spettacolo presenta un turbinio di situazioni e di gag sulla scuola dei secchioni e dei bocciati, delle merendine flosce e delle “prof. Vampiro”. Racconta, dal punto di vista di quattro adolescenti, un universo fatto di emozioni vissute all’eccesso, un mondo dove “o tutto o niente”, un mondo dove se detesti il tuo sedere lo copri con sette maglioni, se non sopporti la Pazzaglia vorresti darle fuoco alla macchina, e se ami la Cecchini ti spari 2000 chilometri e la raggiungi in gita scolastica e le dici che è per sempre.

A quest’età è così. Fino in fondo. Senza mezze misure. Sempre sul filo. In equilibrio.

Una scheda sullo spettacolo, dal sito dell’ITC Teatro.


Ponticella: un nuovo centro giovanile

Baobab
Mercoledì 12 ottobre alle 17 si apre un nuovo centro culturale giovanile a Ponticella, in Via del Colle, 1.

Il luogo, appena riqualificato, viene restituito alla frazione grazie ad una ristrutturazione e al ripensamento delle attività, che potranno prendere vita grazie anche alla collaborazione del Teatro dell’Argine e di Open Group e Radio Città del Capo.

L’inaugurazione sarà l’occasione per assistere a un’esibizione di attori molto speciali: Agriverde, in una breve performance tratta dallo spettacolo Erba Matta, presentato con grande successo lo scorso 25 settembre all’ITC Teatro.

Sarà allestita anche una mostra fotografica delle attività realizzate nel centro.


Walter Siti a San Lazzaro (sabato 9 aprile)

waltersiti

Inizia sabato 9 aprile, alla Mediateca di San Lazzaro, “La bottega degli scrittori”, nuovo progetto nell’ambito della rassegna “Leggere”. Il primo ospite è Walter Siti, uno dei più acuti e originali narratori del nostro tempo, premio Strega nel 2013 con il romanzo “Resistere non serve a niente”.

L’incontro, a partecipazione gratuita ma con iscrizione obbligatoria, si intitola “Realtà e letteratura” ed è diviso in due parti:

– ore 18, prima parte: “Finto realismo, o la criminalità come intrattenimento”

– ore 19.30, buffet con l’autore (prenotazioni chiuse)

– ore 21, seconda parte: “Quanti strati ha un romanzo realista?”

Le letture verranno eseguite da Micaela Casalboni e Lucia Gadolini, della Compagnia Teatro dell’Argine.

Info: 051 6228060 (orari di apertura della Mediateca: lunedì ore 14-19.30, dal martedì al sabato ore 9-19.30)


Il “Progetto Ligabue” di Mario Perrotta vince il Premio Ubu

Mario Perrotta

Mario Perrotta

Ancora un eccezionale riconoscimento per il Teatro di San Lazzaro, protagonista del Progetto teatrale vincitore del Premio Ubu 2015, consegnato ieri a Milano.

La Compagnia Teatro dell’Argine è infatti il principale artefice del complesso progetto di Mario Perrotta dedicato ad Antonio Ligabue, che si è aggiudicato il prestigioso premio.

Il “Progetto Ligabue – Arte marginalità follia”, al termine della procedura di selezione, è risultato vincitore per la categoria “Miglior progetto artistico o organizzativo”.

Le prima dichiarazione del Teatro dell’Argine e di Mario Perrotta sono state “Grazie di cuore alla vastissima rete di enti e associazioni e alle centinaia di artisti professionisti e non che hanno partecipato”.

Tra i progetti finalisti si era collocato anche un altro lavoro del Teatro di San Lazzaro, che è stato particolarmente significativo per noi: “Le parole e la città”, dedicato al complesso rapporto fra teatro e comunità civile.


Adriana Zarri ricordata a San Lazzaro con le sue poesie

adriana_zarri1

A San Lazzaro viene ricordata Adriana Zarri, bellissima figura di teologa e di poetessa, nata a San Lazzaro nel 1919 e morta esattamente cinque anni fa in un cascinale solitario nei pressi di Ivrea.

L’incontro è in programma mercoledì 18 novembre alle ore 18 in Mediateca (Via Caselle, 22) ed è dedicato alla lettura di alcune sue poesie, con la presenza dell’attrice Ida Strizzi e la collaborazione del Teatro dell’Argine.

Per chi desidera un piccolo saggio dello stile e della sensibilità di Adriana Zarri, ecco una breve poesia.

“E’ bello, Signore, l’autunno;
e non è triste come qualcuno può pensare.
E’ come la sera, come il tramonto;
e il tramonto s’incrocia con l’aurora.
Dall’altra parte della terra il sole
che qui si cela dietro l’orizzonte,
là emerge dalla notte.
Così l’autunno ha un suo corrispondente
in una lontana primavera”.