Category Archives: storia

All’ITC il 27 gennaio “Tiergartenstrasse 4 – Un giardino per Ofelia”

ofelia

E’ uno degli spettacoli storici del Teatro dell’Argine quello con cui all’ITC Teatro di San Lazzaro si celebra la Giornata della Memoria il 27 gennaio. Nell’ambito della stagione di prosa viene infatti proposto “Tiergartenstrasse 4 – Un giardino per Ofelia”.

La dolcissima e tragica storia, scritta da Pietro Floridia, che ha curato anche la regia dello spettacolo, è ambientata negli anni ‘40 ad Amburgo, e racconta l’incontro di due donne: Ofelia, una giovane disabile mentale che vive coltivando fiori nell’assoluta innocenza di un rapporto di verità col mondo, e Gertrud, l’infermiera nazista mandata a verificare le sue condizioni e che si troverà a doverla difendere dal programma T4, il cosiddetto “Olocausto minore” che prevedeva l’eliminazione dei disabili e che fece centinaia di migliaia di vittime nella Germania nazista. L’incontro si trasforma in un’amicizia profonda e in un legame di cura e di tenerezza che unirà i destini di queste due donne fino alla fine. Continue reading


Quaderni del Savena – Il nuovo numero il 16 dicembre

La copertina

La copertina

Venerdì 16 dicembre, in Mediateca, alle ore 18, verrà presentato il nuovo numero della rivista “Quaderni del Savena” (Strumenti, studi e documenti dell’Archivio storico comunale “Carlo Berti Pichat” di San Lazzaro di Savena), che conterrà lo Speciale Werther Romani, oltre a tante altre interessanti ricerche di carattere locale.

I “Quaderni del Savena” ospitano studi inerenti la realtà storica, sociale, ambientale, politica ed economica di San Lazzaro e delle comunità che si affacciano sulle vallate del Savena e dell’Idice.

Nata per valorizzare il territorio, letto e interpretato nel contesto culturale dell’area metropolitana bolognese, la rivista viene pubblicata in versione elettronica e cartacea.

All’incontro di presentazione interverranno Valeria Cicala e Fiamma Lenzi, dell’Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna, Maria Beatrice Bettazzi, Storica dell’architettura e docente universitaria (UNIBO) e Pier Luigi Perazzini, storico locale.


15 dicembre. Si ricordano Lercaro e Dossetti

giovanni XXIII lercaro dossetti

Papa Giovanni XXIII tra il cardinal Lercaro e don Giuseppe Dossetti

Importante serata su due grandi personaggi della chiesa bolognese: Giacomo Lercaro e Giuseppe Dossetti.

Giovedì 15 dicembre, alla Mediateca di San Lazzaro, alle ore 21, si terrà l’incontro su “Lercaro e Dossetti. Uomini di pace”, nel corso del quale verrà presentato il progetto di documentario sull’episcopato a Bologna del Card.Giacomo Lercaro.

Dopo il saluto di mons.Domenico Nucci, che fu segretario dell’Arcivescovo Lercaro, porteranno la loro testimonianza don Paolo Tasini, parroco di San Giovanni Battista di Colunga e di San Luca Evangelista alla Cicogna, Lorenzo K.Stanzani, autore e regista, Mauro Bartoli, produttore e Claudia D’Eramo, vicesindaco di San Lazzaro di Savena.

A seguire verrà proiettato il documentario su Giuseppe Dossetti “Quanto resta della notte?”.


Giornata FAI d’autunno (16 ottobre). Visita alla chiusa di San Ruffillo.

La chiusa

La chiusa

Nell’ambito della giornata FAI d’autunno del 16 ottobre, la sezione del FAI (Fondo Ambiente Italiano) di San Lazzaro organizza l’iniziativa “Storie d’acque fra San Ruffillo e San Lazzaro di Savena”, una visita guidata alla scoperta della Chiusa di San Ruffillo, costruita sul Canale di Savena nel 1221, per servire un’ampia zona ad est della città. La regolazione dell’afflusso idrico era necessaria per l’irrigazione degli orti, per il riempimento dei maceri e per produrre energia per le tintorie, le cartiere, le concerie e per i quattro mulini azionati dalle sue acque (Foscherari, trasformato in cartiera, Parisio, Frino e Castiglione). Restaurata più volte nel corso della storia, minata durante la Seconda Guerra Mondiale, assolve ancora oggi alle sue funzioni.

L’acqua è stata fondamentale per lo sviluppo industriale e commerciale della città di Bologna fin dal Medioevo e i Bolognesi hanno saputo sfruttare questa risorsa realizzando canali artificiali tramite chiuse sui fiumi Reno e Savena.

Accompagnati da Angelo Zanotti, studioso dell’idrografia del territorio bolognese e di storia locale, i visitatori potranno ammirare la bellezza e scoprire le funzioni di questa opera idraulica così importante per Bologna.

Informazioni: Valentina Caprini, mail valentinacassiopea@gmail.com

Indirizzo: Chiusa sul Savena, Via Toscana 186, Bologna

La Chiusa è visitabile partecipando alle visite guidate delle ore 15,30, 16,15 e 17,00

Maggiori informazioni: http://www.consorzireno-savena.it/it/chiusa-di-sanruffillo.php

L’iniziativa sul sito del FAI: http://faimarathon.it/marathon?id=451

Un’immagine da Google Earth: come si vede, la chiusa si trova all’incrocio fra Via Toscana e il fiume Savena

chiusabig

 

 

 

 

 

 

 

 


Due giorni a San Lazzaro in ricordo della OSCA Fratelli Maserati

osca

 

Sabato 1 e domenica 2 ottobre San Lazzaro ricorda le sue glorie motoristiche del passato. Il primo momento è costituito dalla mostra dedicata alla Osca Fratelli Maserati, la casa automobilistica, attiva dal 1947, che ha avuto sede a San Lazzaro dal 1954 al 1968. La mostra, che verrà illustrata da Francisco Giordano, si intitola “Una breve storia dell’Osca” e segna il punto di partenza, sabato 1 ottobre alle ore 9, del trekking urbano “Alla scoperta di San Lazzaro”, che toccherà Continue reading


Un Gruppo FAI a San Lazzaro. Il 15 giugno primo incontro al Museo.

FAI - Locandina

Si è costituito il Gruppo FAI di San Lazzaro di Savena.

Il FAI (Fondo Ambiente Italiano) è una fondazione nazionale senza scopo di lucro che dal 1975 ha salvato, restaurato e aperto al pubblico importanti testimonianze del patrimonio artistico e naturalistico italiano.

Il Capo Gruppo FAI è Valentina Caprini, e il Gruppo è composto da Giovanni Bettazzi, Marisa Bonetti, Andrea Clivio, Francisco Giordano, Patrizia Tossani e Lia Vivaldi.

La presentazione del Gruppo e il primo incontro pubblico si terranno al Museo della Preistoria “Luigi Donini” di San Lazzaro (Via Fratelli Canova, 49), mercoledì 15 giugno dalle ore 18 con l’incontro “San Lazzaro dalle origini – Indietro nel tempo, per conoscere il nostro territorio attraverso la sua storia”.
Inizia così un viaggio alla scoperta di un territorio ricco di testimonianze storiche a partire dalle sue origini. E’ in programma una visita guidata al Museo a cura del direttore Gabriele Nenzioni. La Compagnia Teatro dell’Argine farà conoscere l’Uomo di Neanderthal, attraverso l’Intervista impossibile di Italo Calvino e si potrà assistere a dimostrazioni di accensione del fuoco e scheggiatura della selce.

Il Punto FAI ha sede presso l’Ufficio Turismo del Centro sociale Fiorenzo Malpensa (Villa Serena, via Jussi 33 – San Lazzaro di Savena), ed è aperto il martedì, dalle ore 17.30 alle ore 19.30.


Anniversario della Liberazione: gli appuntamenti

21aprile

E’ stato pubblicato il programma dei due incontri di aprile dedicati all’anniversario della Liberazione.

Gli incontri si svolgono alla Mediateca e sono dedicati alla presentazione di due volumi di argomento storico.

Il 15 aprile, alle ore 18,00, verrà presentato “Vangelo e coscienza: Antifascismo e Resistenza dei cattolici bolognesi”, un’opera di Alberto Mandreoli sulla quale a dialogare con l’autore saranno Lara Calzolari e Matteo Marabini.

Il 21 aprile, anniversario della Liberazione di San Lazzaro e di Bologna, alle ore 18,30 viene presentato “Il virus fascista”, un volume di Ermenegildo “Arno” Bugni, con cui dialogherà Giulia Casini.

Nell’occasione, verrà inaugurata la mostra del fumetto “Carlo Jussi”, realizzato da Davide Parri, vincitore del bando “Giovani talenti creativi”.

Informazioni: 051 6228174


Aqua fons vitae – Dov’è il pozzo?

image

Dove si trova il pozzo romano di Via Caselle? Ecco la risposta.

viacaselle

E’ dedicata al pozzo romano di Via Caselle ritrovato nel 2006 la mostra che si apre il 2 aprile in Sala di Città (Via Emilia, 92) a San Lazzaro, e che rimarrà visitabile fino al 29 maggio.

L’evento, dal titolo “Aqua fons vitae – Identità, storia, memoria di una comunità”, è stato promosso dal Comune di San Lazzaro e dalla Soprintendenza Archeologica dell’Emilia-Romagna, utilizzando il materiale rinvenuto nel pozzo come punto di partenza per affrontare il tema dello sfruttamento delle risorse idriche e della gestione delle acque dall’epoca romana alla modernità.

Il ritrovamento del pozzo in un luogo centrale della città ha gettato nuova luce sulla presenza romana in questo territorio rurale situato a cavallo fra l’agro bononiense e quello claternate, che pur beneficiava dall’essere attraversato da un’arteria, già pulsante di traffici, come la via Emilia.

Il pozzo, che si trova nei sotterranei di un recente edificio, è stato colmato per ragioni di sicurezza ed è oggi protetto da una struttura in cemento armato.

Orari di apertura: da martedì a venerdì dalle ore 17 alle 19, sabato e domenica dalle 10 alle 13.

Info e prenotazioni: www.museodellapreistoria.it
Tel. 051 465132

 

Sabato 2 aprile 2016, ore 16,30: Presentazione della mostra
Loggia del Municipio – Piazza Bracci, 1 – San Lazzaro di Savena

a seguire: Inaugurazione della mostra
Sala di Città – Via Emilia, 92, San Lazzaro di Savena

Saranno presenti:
Il Sindaco di San Lazzaro di Savena
Luigi Malnati, Soprintendente Archeologia dell’Emilia-Romagna
Fiamma Lenzi, Istituto per i Beni Culturali della Regione Emilia-Romagna
Giovanni Tamburini, Presidente del Consorzio della Bonifica Renana

presenta il filmato sul recupero del pozzo romano di via Caselle Giovanni Fucci del Gruppo Ravennate Archeologico
introduce la mostra Gabriele Nenzioni del Museo della Preistoria “Luigi Donini”

Il volantino (.pdf – 878.2 kb)


A piedi e in bici alla scoperta di San Lazzaro

leadImage_preview

E’ in arrivo un’eccezionale iniziativa, promossa dal Comune, per conoscere meglio la nostra città di San Lazzaro, con molti dei suoi segreti e delle curiosità che la rendono interessante e piacevole.

Dal 6 aprile al 22 maggio si terrà una serie di cinque incontri e di visite guidate (in aula, in bici e a piedi) alla scoperta dei luoghi e degli aspetti del nostro territorio urbano e dell’immediato circondario che sono più significativi dal punto di vista storico-culturale e naturalistico. Continue reading


Piazza Bracci nel 1949. La chiesa appena ultimata.

piazzabracciconalberi

Una bella e rara immagine d’epoca della Piazza Bracci con la nuovissima chiesa parrocchiale, consacrata nel 1949. L’odierna Via San Lazzaro, che costeggia la chiesa, deriva direttamente dal viale di accesso alla Villa Rossi.